A Focus on CV
EASD 2017
EASD 2017

Alogliptin e placebo, con o senza ACE-inibitori, presentano esiti cardiovascolari simili


Dallo studio EXAMINE è emerso che l'uso di Alogliptin ( USA: Nesina; Europa: Vipidia ), un inibitore DPP-4, rispetto al placebo con e senza ACE inibitori ( inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina ), non ha comportato significative differenze di esiti cardiovascolari, eventi ischemici cardiaci e ospedalizzazioni per cause cardiovascolari nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e la sindrome coronarica acuta.

Sono stati valutati 5.380 pazienti partecipanti allo studio EXAMINE, assegnati in modo casuale a ricevere Alogliptin oppure placebo in aggiunta alle terapie esistenti anti-iperglicemiche e alle terapie cardiovascolari per determinare gli esiti cardiovascolari dopo il trattamento.

Il 60% dei partecipanti stava usando un ACE inibitore ( 1.681 nel braccio Alogliptin; 1.642 nel braccio placebo ).

Sono stati riscontrati tassi simili di infarto miocardico non-fatale e di ictus tra Alogliptin e placebo con l’ACE inibizione ( hazard ratio, HR=0.97 ) e senza ACE inibizione ( HR=0.94 ).

Più partecipanti assegnati a placebo ( 7.2% ), rispetto ad Alopliptin ( 6.8% ), hanno presentato mortalità cardiovascolare o ricovero in ospedale per scompenso cardiaco rispetto a quelli in trattamento al basale con ACE inibitori ( HR= 0.93 ).
Nessun effetto sul solo ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca è stato riscontrato tra i pazienti trattati con ACE inibitori tra Alogliptin o placebo ( HR=1.07 ).

Allo stesso modo, nessun impatto su eventi cardiovascolari è stato riscontrato tra dosaggi più alti e più bassi di ACE-inibitori.

La pre-randomizzazione per storia di insufficienza cardiaca e uso di ACE-inibitori al basale ha rivelato che l’infarto miocardico non-fatale e l’ictus si sono verificati maggiormente tra i pazienti assegnati a placebo ( 16.5% ) rispetto ad Alogliptin ( 13.9%; HR=0.87 ).

Lo scompenso cardiaco con ricovero in ospedale e la morte cardiovascolare si sono verificati più spesso nei pazienti assegnati al placebo ( 13.2% ) rispetto ad Alogliptin ( 12%; HR=1.02 ).

Questi dati non supportano l'interazione sfavorevole tra uso di ACE inibitori e terapia con Alogliptin nei pazienti ad alto rischio cardiovascolare. ( Xagena2015 )

Fonte: American Diabetes Association ( ADA ) - 75th Scientific Sessions, 2015

Endo2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro