EASD 2017
EASD 2017
A Focus on CV

Diabete di tipo 2: più bassi livelli di 25-idrossivitamina D3 sono associati a una maggiore prevalenza di complicanze microvascolari


Bassi livelli sierici di 25-idrossivitamina D [ 25(OH)D ] si riscontrano comunemente nel diabete di tipo 2.
I ricercatori hanno verificato l’esistenza di una associazione tra le concentrazioni circolanti di 25(OH)D e la presenza di complicanze microvascolari nelle persone con diabete di tipo 2.

Sono stati studiati 715 pazienti ambulatoriali con diabete di tipo 2 che hanno regolarmente frequentato il Dipartimento di Medicina, Sezione di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo dell’Università di Verona ( Italia ).

I partecipanti sono stati valutati per la presenza di complicanze microvascolari ( cioè retinopatia e/o nefropatia ) di valutazione clinica, esame del fondo, esame delle urine e test biochimici.

I livelli sierici di 25(OH)D sono stati misurati per ogni partecipante.

L’ipovitaminosi D ( cioè, un livello sierico di 25(OH)D inferiore a 30 ng/mL ) è stato trovato nel 75.4%, mentre la carenza ( cioè, livello di 25(OH)D inferiore a 20 ng/mL ) è stato riscontrato nel 36.6% di questi pazienti.

I livelli sierici di 25(OH)D sono risultati diminuiti significativamente in relazione alla gravità della retinopatia o della nefropatia o entrambi.

All'analisi di regressione logistica multivariata, più bassi livelli di 25(OH)D erano indipendentemente associati alla presenza di complicanze microvascolari ( considerato come endpoint composito; odds ratio, OR = 0.758; IC 95% 0.607-0.947, p = 0.015 ).

In particolare, questa associazione è rimasta significativa anche dopo aver escluso quelli con un tasso di filtrazione glomerulare stimata inferiore a 60 ml/min/1.73 m(2).

In conclusione, i ricercatori hanno trovato una relazione inversa e indipendente tra livelli circolanti di 25(OH)D e la prevalenza di complicanze microvascolari nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.
Tuttavia, la vitamina D può essere semplicemente un marker e la causalità non può essere dedotta da questo studio trasversale.
E’ ancora da accertare se la supplementazione di Vitamina-D nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 può avere effetti benefici sul rischio di complicanze microvascolari. ( Xagena2015 )

Zoppini G et al, BMJ Open Diabetes Res Care 2015; 3(1): e000058. doi: 10.1136 / bmjdrc-2014-000.058. eCollection 2015

Cardio2015 Endo2015



Indietro