Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
A Focus on CV
EASD 2017
EASD 2017

Gravi complicanze con Aliskiren nei pazienti con diabete di tipo 2


Lo studio ALTITUDE è stato interrotto quando il Data Monitoring Committee ( DMC ) ha riscontrato un aumentato rischio di ictus non-fatale, complicazioni renali, iperkaliemia, ipotensione nei pazienti trattati con Aliskiren ( Rasilez, Tekturna ) dopo 18-24 mesi.

Nel corso del Meeting dell’European Society of Cardiology ( ESC ) sono stati presentati i primi risultati dettagliati dello studio ALTITUDE, che ha confrontato Aliskiren con il placebo in 8561 pazienti diabetici di tipo 2 ad alto rischio di complicanze cardiovascolari e renali già in trattamento con un singolo bloccante del sistema renina-angiotensina-aldosterone ( RAAS ).

Dopo 32 mesi di follow-up, l'endpoint composito ( morte cardiovascolare, morte resuscitata, infarto miocardico, ictus, ospedalizzazione non-pianificata per insufficienza cardiaca, insorgenza della malattia renale allo stadio terminale, o di raddoppio dei valori di creatinina ) non era significativamente differente tra i due gruppi.
Nel gruppo Aliskiren è stata osservata una tendenza verso una più alta incidenza di ictus.

L’endpoint composito è stato pari a 17.9% per Aliskiren rispetto al 16.8% per il placebo ( HR=1.08; p = 0.142 ), mentre l’incidenza di ictus è stata pari al 3.4% contro 2.8% ( HR=1.25; p = 0.70 )

Inoltre, i pazienti trattati con Aliskiren hanno anche presentato alti livelli di potassio e avevano una maggiore probabilità di sviluppare iperkaliemia, ipotensione e diarrea. ( Xagena2012 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Meeting, 2012

Dermo2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro