EASD 2017
EASD 2017
A Focus on CV

Livelli circolanti di sclerostina aumentati nei pazienti con diabete mellito di tipo 2


Il diabete mellito è un fattore di rischio per le fratture osteoporotiche. La sclerostina è un inibitore della formazione ossea.
Tuttavia, non ci sono dati riguardanti i livelli di sclerostina nel diabete di tipo 2.

Sono stati valutati i livelli di sclerostina sierica nei pazienti con diabete di tipo 2 ed è stato analizzato il suo rapporto con il metabolismo osseo.

Uno studio cross-sezionale ha confrontato la sclerostina sierica nel gruppo con diabete di tipo 2 ( n=74 ) e nel gruppo di controllo ( n=50 ), ed è stato analizzato il suo rapporto con ormoni calciotropi, marcatori del turnover osseo, densità minerale ossea ( BMD ) e fratture vertebrali morfometriche.

I livelli di sclerostina sono risultati significativamente più alti nei pazienti con diabete di tipo 2 rispetto ai soggetti di controllo ( P minore di 0.001 ) e nei maschi rispetto alle femmine con diabete di tipo 2 ( P minore di 0.001 ).
La sclerostina sierica è stata positivamente correlata con l'età nei maschi con diabete di tipo 2 ( P=0.031 ).

Nell'analisi di regressione lineare, il sesso, il gruppo di studio e l'età sono risultati predittivi dei livelli di sclerostina ( P minore di 0.05 ).

Le concentrazioni di sclerostina sono risultate positivamente associate con la durata del diabete di tipo 2 ( P=0.064 ) e dell' emoglobina glicata ( P=0.074 ) indipendentemente dall'età nei pazienti.

La sclerostina è risultata inversamente correlata ai marcatori del turnover osseo ( P minore di 0.05 ) e positivamente correlata alla densità minerale ossea della colonna lombare, del collo del femore e dell'anca ( P minore di 0.05 ) nel gruppo con diabete mellito di tipo 2.

La sclerostina era significativamente più bassa nei pazienti con osteoporosi rispetto ai pazienti senza osteoporosi con diabete di tipo 2 ( P=0.048 ).

In conclusione, la sclerostina circolante è aumentata nel diabete di tipo 2 indipendentemente dal sesso e dall'età.
La sclerostina sierica è stata anche correlata con la durata del diabete di tipo 2, l'emoglobina glicata, i marcatori del turnover osseo e la densità minerale ossea nei pazienti diabetici di tipo 2.
Sono necessari ulteriori studi per valutare il ruolo della sclerostina sul metabolismo osseo in questa popolazione. ( Xagena2012 )

Garcia-Martin A et al, J Clin Endocrinol Metab 2012; 97: 234-241

Endo2012



Indietro