A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Aumentato rischio di fratture sia negli uomini che nelle donne con i glitazoni


I risultati degli studi clinici hanno indicato che i tiazolidinedioni ( detti anche glitazoni ), Rosiglitazone ( Avandia ) e Pioglitazone ( Actos ) ( due farmaci che trovano impiego nel trattamento del diabete mellito di tipo 2 ) sono associati ad un aumentato rischio di fratture, ma tali studi hanno un limitato potere statistico.
In questi studi, l’aumentato rischio è apparso essere limitato alle donne, ed ha riguardato principalmente fratture al braccio, polso, mano o al piede.

L’obiettivo dei Ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine di Londra in Gran Bretagna, è stato quello di valutare il rischio di fratture associato con l’uso dei tiazolidinedioni nella pratica clinica.

L’analisi ha riguardato i dati contenuti nell’United Kingdom General Practice Research Database ( GPRD ).
Sono stati inclusi nello studio 1.819 pazienti di età uguale o superiore ai 40 anni con una frattura e almeno una prescrizione di un tiazolidinedione.

E’ stato trovato un rate ratio ( rapporto tra tassi ) di 1.43 per le fratture in qualsiasi sito, confrontando i periodi esposti ai non-esposti tra i pazienti a cui era stato prescritto un glitazone.

Questa associazione era simile negli uomini che nelle donne e nei pazienti trattati con Rosiglitazone che con Pioglitazone.

L’aumentato rischio ha interessato diversi siti di frattura, tra cui anca, colonna vertebrale, braccio, piede, polso, o mano.

Il rischio è aumentato con l’aumentare della durata dell’esposizione ai tiazolidinedioni: rate ratio uguale a 2 per un’esposizione di 4 o più anni.

Dallo studio è emerso che tra i soggetti con una frattura, il rischio di frattura è aumentato durante periodi di esposizione ai tiazolidinedioni ( Rosiglitazone e Pioglitazone ), rispetto ai periodi di non-esposizione.
L’aumentato rischio è stato riscontrato sia negli uomini che nelle donne e in un ampio range di siti.
Il rischio è risultato anche aumentato con la maggiore durata d’uso di questi farmaci. ( Xagena2009 )

Douglas IJ et al, PloS Med, 2009; 6: e1000154


Endo2009 Farma2009


Indietro