A Focus on CV
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Effetto di Linagliptin versus placebo sui principali eventi cardiovascolari negli adulti con diabete di tipo 2 e ad alto rischio cardiovascolare e renale: studio CARMELINA


Il diabete di tipo 2 è associato a un aumentato rischio cardiovascolare.
Studi precedenti hanno dimostrato la sicurezza cardiovascolare di tre inibitori della dipeptidil peptidasi 4 ( DPP-4 ) ma hanno incluso un numero limitato di pazienti con alto rischio cardiovascolare e malattia renale cronica.

È stato valutato l'effetto di Linagliptin ( Trajenta ), un inibitore selettivo di DPP-4, sugli esiti cardiovascolari e sugli esiti renali nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari e renali nello studio randomizzato, controllato con placebo, CARMELINA, condotto tra il 2013 e il 2016 presso 605 siti clinici in 27 Paesi tra adulti con diabete di tipo 2, emoglobina glicata ( HbA1c ) del 6.5-10.0%, alto rischio cardiovascolare ( storia di malattia vascolare e rapporto albumina-creatinina nelle urine UACR maggiore di 200 mg/g ) e alto rischio renale ( eGFR ridotta e microalbuminuria o macroalbuminuria ).
Sono stati esclusi i partecipanti con malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ).

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Linagliptin 5 mg una volta al giorno ( n=3.494 ) oppure placebo una volta al giorno ( n=3.485 ) aggiunti alla terapia tradizionale.
Altri farmaci ipoglicemizzanti o Insulina potevano essere aggiunti in base alle necessità cliniche e alle lineeguida cliniche locali.

L'esito primario era il momento alla prima occorrenza del composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale.
I criteri per la non-inferiorità di Linagliptin rispetto al placebo sono stati definiti per un hazard ratio ( HR ) di Linagliptin rispetto al placebo inferiore a 1.3.
L'esito secondario era il tempo alla prima insorgenza di morte ritenuta causata da insufficienza renale, malattia renale terminale, o una diminuzione del 40% o superiore di eGFR dal basale.

Dei 6.991 iscritti, 6.979 ( età media 65.9 anni; eGFR, 54.6 ml/min/1.73 m2; 80.1% con UACR maggiore di 30 mg/g ) hanno ricevuto almeno 1 dose del farmaco in studio e il 98.7% ha completato lo studio.

Durante un follow-up mediano di 2.2 anni, l'esito primario si è verificato in 434 pazienti su 3.494 ( 12.4% ) e in 420 su 3.485 pazienti ( 12.1% ) nei gruppi Linagliptin e placebo, rispettivamente ( differenza assoluta del tasso di incidenza, 0.13 per 100 anni-persona ) ( HR 1.02; P minore di 0.001 per la non-inferiorità ).

L'esito renale si è verificato in 327 su 3.494 ( 9.4% ) e 306 su 3.485 ( 8.8% ) pazienti, rispettivamente ( differenza assoluta di incidenza, 0.22 per 100 anni-persona ) ( HR 1.04; P=0.62 ).

Gli eventi avversi si sono verificati in 2.697 ( 77.2% ) e 2.723 ( 78.1% ) pazienti nei gruppi Linagliptin e placebo; 1.036 ( 29.7% ) e 1.024 ( 29.4% ) hanno avuto uno o più episodi di ipoglicemia; ci sono stati 9 ( 0.3% ) vs 5 ( 0.1% ) eventi di pancreatite acuta confermata.

Tra gli adulti affetti da diabete di tipo 2 e rischio cardiovascolare e renale elevato, Linagliptin aggiunto alla terapia tradizionale, rispetto al placebo, ha comportato un rischio non-inferiore di esito cardiovascolare composito su una mediana di 2.2 anni. ( Xagena2019 )

Rosenstock J et al, JAMA 2019; 321: 69-79

Cardio2019 Nefro2019 Endo2019 Farma2019


Indietro