A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Empagliflozin aggiunto alla terapia insulinica nel diabete di tipo 1: studi EASE


Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia delle dosi di Empagliflozin ( Jardiance ) da 10 e 25 mg più una dose unica più bassa ( 2.5 mg ) in aggiunta all'Insulina intensificata nei pazienti con diabete di tipo 1.

Il Programma EASE ( Empagliflozin as Adjunctive to inSulin thErapy; n=1.707 ) comprendeva due studi di fase 3 in doppio cieco, controllati con placebo: EASE-2 con Empagliflozin 10 mg ( n=243 ), 25 mg ( n=244 ) e placebo ( n=243 ), trattamento di 52 settimane; ed EASE-3 con Empagliflozin 2.5 mg ( n=241 ), 10 mg ( n=248 ), 25 mg ( n=245 ) e placebo ( n=241 ), trattamento di 26 settimane.

Insieme hanno valutato Empagliflozin 10 mg e 25 mg, dosi attualmente approvate nel trattamento del diabete di tipo 2, e in aggiunta 2.5 mg in 26 settimane per la variazione di emoglobina glicata ( endpoint primario ) e peso corporeo, intervallo di valori di glicemia nel tempo ( maggiore di 70 fino a minore o uguale a 180 mg/dl ), dose di Insulina, pressione sanguigna e ipoglicemia.

Le riduzioni di emoglobina glicata media più elevate osservate sottraendo i risultati del gruppo placebo sono state -0.28% per 2.5 mg, -0.54% per 10 mg e -0.53% per 25 mg ( tutti P minore di 0.0001 ).

Le dosi di Empagliflozin di 2.5 / 10 / 25 mg, rispettivamente, hanno ridotto il peso corporeo medio di -1.8 / -3.0 / -3.4 kg ( tutti P minore di 0.0001 ); hanno aumentato la glicemia di +1.0 / +2.9 / +3.1 ora/die ( P minore di 0.0001 per 10 e 25 mg ); hanno ridotto la dose giornaliera totale di Insulina di -6.4 / -13.3 / -12.7% ( tutti P minore di 0.0001 ); e hanno diminuito la pressione sanguigna sistolica di -2.1 / -3.9 / -3.7 mm Hg ( tutti P minore di 0.05 ).

Le infezioni genitali si sono verificate più frequentemente con Empagliflozin.
La chetoacidosi diabetica si è verificata di più con Empagliflozin 10 mg ( 4.3% ) e 25 mg ( 3.3% ) ma era comparabile tra Empagliflozin 2.5 mg ( 0.8% ) e placebo ( 1.2% ).
Sono stati osservati rari casi di grave ipoglicemia, e la frequenza è stata simile tra Empagliflozin e placebo.

Empagliflozin ha migliorato il controllo glicemico e il peso corporeo nel diabete mellito di tipo 1 senza aumentare l'ipoglicemia.
Il tasso di chetoacidosi era comparabile tra Empagliflozin 2.5 mg e placebo ma è aumentato con 10 mg e 25 mg. Il monitoraggio dei chetoni per l'individuazione precoce della chetoacidosi e per un intervento e le dosi più basse di Empagliflozin possono aiutare a ridurre questo rischio. ( Xagena2018 )

Rosenstock J et al, Diabetes Care 2018; 41: 2560-2569

Endo2018 Farma2018


Indietro