A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Esiti cardiovascolari con agonisti del recettore GLP-1 nei pazienti con diabete di tipo 2


Gli agonisti del recettore GLP-1 ( glucagon-like peptide 1) sono efficaci farmaci ipoglicemizzanti.
I risultati degli studi sull'esito cardiovascolare hanno mostrato la sicurezza cardiovascolare degli agonisti del recettore GLP-1, ma i risultati per l'efficacia cardiovascolare sono stati diversi.

È stata esaminata l'efficacia cardiovascolare complessiva per Lixisenatide, Liraglutide, Semaglutide ed Exenatide a rilascio prolungato in una revisione sistematica e meta-analisi.

Sono stati analizzati i dati di studi idonei che hanno valutato la sicurezza e l'efficacia degli agonisti del recettore GLP-1 rispetto al placebo nei pazienti adulti di età pari o superiore a 18 anni con diabete mellito di tipo 2 che hanno avuto un esito primario che includeva, insieme ad altri eventi, mortalità cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale.

Sono stati identificati 4 studi sugli esiti cardiovascolari degli agonisti del recettore GLP-1: ELIXA ( Lixisenatide ), LEADER ( Liraglutide ), SUSTAIN 6 ( Semaglutide ) ed EXSCEL ( Exenatide a rilascio prolungato ).

Rispetto al placebo, il trattamento con un agonista del recettore GLP-1 ha mostrato una significativa riduzione del rischio relativo del 10% nell'esito primario di eventi cardiovascolari avversi maggiori in tre punti ( mortalità cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale; hazard ratio, HR 0.90; P=0.033 ), un RRR del 13% nella mortalità cardiovascolare ( 0.87; P=0.007 ) e un riduzione relativa del 12% del rischio di mortalità per tutte le cause ( 0.88; P=0.002 ), con eterogeneità statistica bassa-moderata tra gli studi.

Nessun effetto significativo degli agonisti del recettore GLP-1 è stato identificato su infarto miocardico fatale e non-fatale, ictus fatale e non-fatale, ricovero ospedaliero per angina instabile o ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca.

Complessivamente, non sono state osservate differenze significative nell'ipoglicemia grave, nella pancreatite, nel tumore del pancreas o nel carcinoma midollare della tiroide riportati tra il trattamento con agonisti del recettore GLP-1 e il placebo.

I risultati hanno mostrato la sicurezza cardiovascolare in tutti gli studi sugli esiti cardiovascolari degli agonisti dei recettori GLP-1 e hanno indicato che i farmaci in questa classe possono ridurre gli eventi cardiovascolari avversi maggiori in tre punti, la mortalità cardiovascolare e il rischio di mortalità per tutte le cause, anche se in misura diversa per i singoli farmaci, senza significativi problemi di sicurezza.
Gli agonisti del recettore GLP-1 hanno un bilancio rischio / beneficio favorevole, nel complesso, che dovrebbe consentire di individualizzare la scelta del farmaco in base ai bisogni di ciascun paziente. ( Xagena2018 )

Bethel MA et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 105-113

Endo2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro