A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Il microbiota intestinale differisce per composizione e funzionalità tra i bambini con diabete di tipo 1, MODY2 e soggetti di controllo sani


Il diabete di tipo 1 è associato a differenze compositive nel microbiota intestinale. Ad oggi, non sono stati condotti studi sui microbiomi nel diabete dei giovani con esordio in età matura 2 ( MODY2 ), una causa monogenica del diabete.

È stato confrontato il microbiota intestinale di soggetti con diabete mellito di tipo 1, MODY2 e soggetti sani di controllo.

È stato condotto uno studio caso-controllo in 15 bambini con diabete di tipo 1, 15 bambini con MODY2 e 13 bambini sani.
Il controllo metabolico e i fattori potenzialmente in grado di modificare il microbiota intestinale sono stati controllati.
La composizione del microbioma è stata determinata mediante pirosequenziamento di 16S rRNA.

Rispetto ai soggetti sani di controllo, il diabete di tipo 1 era associato a una diversità di microbiota significativamente più bassa, un'abbondanza relativa significativamente maggiore di Bacteroides, Ruminococcus, Veillonella, Blautia e Streptococcus e un'abbondanza relativa inferiore di Bifidobacterium, Roseburia, Faecalibacterium e Lachnospira.

I bambini con MODY2 hanno mostrato un'abbondanza di Prevotella significativamente più alta e un’abbondanza più bassa di Ruminococcus e Bacteroides.
Citochine e lipopolisaccaridi proinfiammatori erano aumentati nel diabete di tipo 1 e la permeabilità intestinale, determinata dai livelli di zonulina, era significativamente aumentata nel diabete di tipo 1 e in MODY2.

L'analisi PICRUSt ha rilevato un incremento di geni correlati al metabolismo dei lipidi e degli aminoacidi, al trasporto ABC, alla biosintesi dei lipopolisaccaridi, al metabolismo degli acidi arachidonici, all'elaborazione e alla presentazione degli antigeni e alle vie di segnalazione delle chemochine nel diabete di tipo 1.

In conclusione, il microbiota intestinale nel diabete di tipo 1 differisce a livello tassonomico e funzionale non solo rispetto ai soggetti sani, ma fondamentalmente per quanto riguarda un modello di diabete non-autoimmune.
Futuri studi longitudinali dovrebbero valutare se la modulazione del microbiota intestinale nei pazienti ad alto rischio di diabete di tipo 1 possa modificare la storia naturale di questa malattia autoimmune. ( Xagena2018 )

Leiva-Gea I et al, Diabetes Care 2018; 41: 2385-2395

Endo2018 Gastro2018 Pedia2018



Indietro