A Focus on CV
XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting

Studio REWIND: Dulaglutide riduce l'incidenza dei MACE nei pazienti con diabete di tipo 2 con e senza precedente malattia cardiovascolare


Nello studio REWIND ( Researching Cardiovascular Events with a Weekly Incretin in Diabetes ) è stato valutato l'effetto della Dulaglutide ( Trulicity ) sugli eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) quando aggiunto al regime terapeutico anti-iperglicemico in persone con diabete mellito di tipo 2 con e senza precedente malattia cardiovascolare e vario grado di compenso glicemico.

Lo studio REWIND, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, è stato condotto in 371 Centri in 24 Paesi.
Gli uomini e le donne di almeno 50 anni con diabete mellito di tipo 2 che presentavano un precedente evento cardiovascolare o fattori di rischio cardiovascolare sono stati assegnati casualmente ( rapporto 1:1 ) a una iniezione sottocutanea settimanale di Dulaglutide ( 1.5 mg ) o placebo.
L'incidenza di eventi cardiovascolari e altri eventi avversi è stata valutata almeno ogni 6 mesi.

L'outcome primario era la prima occorrenza dell'endpoint composito di infarto miocardico non-fatale, ictus non-fatale o morte per cause cardiovascolari ( incluse cause sconosciute ), che è stata valutata nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

9901 partecipanti ( età media 66.2±6.5 anni, emoglobina glicata [ HbA1c ] mediana 7.2%, 46.3% donne ) sono stati arruolati e assegnati a essere trattati con Dulaglutide ( n = 4949 ) oppure con placebo ( n = 4952 ).

Durante un follow-up mediano di 5.4 anni, l'outcome primario composito si è verificato in 594 ( 12.0% ) partecipanti con un tasso di incidenza di 2.4 per 100 persone-anno nel gruppo Dulaglutide e in 663 ( 13.4% ) partecipanti con un tasso di incidenza di 2.7 per 100 persone-anno nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.88; 95%CI: 0.79-0.99 ; p = 0.026 ).

La mortalità per qualsiasi causa non è risultato differente tra i gruppi ( 536 [ 10.8% ] nel gruppo Dulaglutide vs 592 [ 12.0% ] nel gruppo placebo: HR 0.90; IC 95%: 0.80-1.01; p = 0.067 ).

L'incidenza dell'outcome secondario microvascolare composito era più bassa nel gruppo assegnato a Dulaglutide ( HR 0.87; IC 95%: 0.79-0.95 ), e caratterizzata da più bassa occorrenza dell'outcome composito renale ( HR 0.85; IC 95%: 0.77-0.93 ).

I partecipanti assegnati al trattamento con Dulaglutide hanno mostrato nel follow-up livelli più bassi di emoglobina glicata, peso corporeo, indice di massa corporea [ BMI ], pressione arteriosa e colesterolo totale e colesterolo LDL.

Il 47.4% dei partecipanti trattati con Dulaglutide ha riferito un evento avverso gastrointestinale durante il follow-up contro il 34.1% dei partecipanti assegnati al placebo ( p inferiore a 0.0001 ).

In conclusione, il trattamento con Dulaglutide è associato a una minore incidenza di eventi avversi cardiovascolari rispetto al placebo nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 con e senza precedente malattia cardiovascolare. ( Xagena2019 )

Fonte: The Lancet, 2019

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro