Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
EASD 2017
A Focus on CV
EASD 2017

Diabete mellito di tipo 2 incidente: lipoproteine, insulino-resistenza e terapia con Rosuvastatina


Le statine diminuiscono i livelli di lipoproteine a bassa densità ( LDL ) e dei trigliceridi, nonché gli eventi cardiovascolari, ma aumentano il rischio di diagnosi di diabete mellito di tipo 2.
I fattori di rischio associati al diabete di tipo 2 incidente non sono stati completamente caratterizzati.

È stata studiata l'associazione delle sottoclassi e dimensioni delle lipoproteine e un nuovo punteggio di resistenza all'insulina delle lipoproteine ( LPIR ) ( un composito di 6 misure correlate alle lipoproteine ) con diabete mellito di tipo 2 tra gli individui randomizzati a una statina ad alta intensità oppure a placebo.

L’analisi secondaria dello studio JUPITER ( uno studio clinico randomizzato, controllato con placebo ) è stata condotta in 1.315 Centri in 26 Paesi e ha interessato 17.802 tra uomini di 50 anni di età o più anziani e donne di 60 anni o più anziane con livelli di colesterolo LDL inferiori a 130 mg/dl, livelli di proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) di almeno 2 mg/l e livelli di trigliceridi inferiori a 500 mg/dl.
Sono stati esclusi i soggetti con diabete mellito di tipo 2.

Un obiettivo secondario pre-specificato è stato quello di valutare l'effetto della Rosuvastatina sale di calcio ( Crestor ) sul diabete mellito di tipo 2.

Il diabete di tipo 2 incidente è stato monitorato per una media di 2.0 anni.
I dati sono stati raccolti dal 2003 al 2008 e analizzati dal 2013 al 2016.

È stata somministrata Rosuvastatina sale di calcio 20 mg/die oppure placebo.

Gli esiti principali erano le dimensioni e la concentrazione di lipidi, apolipoproteine e lipoproteine al basale ( 11.918 pazienti con campioni di plasma valutabili ) e 12 mesi dopo la randomizzazione ( 9.180 pazienti ).

Il punteggio LPIR, un correlato di insulino-resistenza, è stato calcolato come una combinazione ponderata di dimensioni e concentrazioni di particelle di LDL, lipoproteine a densità molto bassa ( VLDL ), e lipoproteine ad alta densità ( HDL ).

Tra i 11.918 pazienti ( 4.334 donne, 36.4%; età mediana 66 anni ), la Rosuvastatina ha abbassato i livelli di particelle LDL ( -39.6% ), particelle VLDL ( -19.6% ) e VLDL ricche di trigliceridi ( -15.2% ), e ha spostato la distribuzione delle sottoclassi di lipoproteine verso dimensioni più piccole di LDL ( -1.5% ), più grandi dimensioni di VLDL ( 2.8% ) e più basso punteggio LPIR ( -3.2% ).

Nelle analisi aggiustate per età, sesso, origine etnica, esercizio fisico, livello di istruzione, storia familiare e fumo, l'hazard ratio ( HR ) per il diabete mellito di tipo 2 nel punteggio LPIR nel braccio placebo era 1.99; nel braccio Rosuvastatina, 2.06.
Dopo aggiustamento aggiuntivo per pressione arteriosa sistolica, indice di massa corporea, proteina C-reattiva ad alta sensibilità, emoglobina A1c, colesterolo HDL, colesterolo LDL e trigliceridi, il punteggio LPIR è rimasto associato con diabete mellito di tipo 2 nel braccio placebo ( HR=1.35 ) e nel braccio Rosuvastatina ( HR=1.60 ).
Tendenze simili sono state osservate a 12 mesi.

In conclusione, nelle persone apparentemente sane, il punteggio LPIR è risultato positivamente associato con il diabete mellito di tipo 2 incidente, anche durante la terapia con Rosuvastatina. ( Xagena2016 )

Dugani SB et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 136-145

Endo2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro