A Focus on CV
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Associazione del trattamento con Metformina versus sulfonilurea con gli eventi cardiovascolari avversi maggiori tra i pazienti con diabete e ridotta funzionalità renale


Prima del 2016, preoccupazioni sulla sicurezza hanno limitato l'uso di Metformina in pazienti con malattia renale; tuttavia, l'efficacia della Metformina sugli esiti clinici nei pazienti con ridotta funzionalità renale rimane sconosciuta.

Sono stati confrontati i principali eventi avversi cardiovascolari ( MACE ) tra i pazienti con diabete e ridotta funzionalità renale che hanno continuato il trattamento con Metformina o una sulfonilurea.

È stato condotto uno studio retrospettivo di coorte tra i veterani statunitensi che ricevono assistenza da parte della Veterans Health Administration, con integrazione dei dati di Medicare, Medicaid e National Death Index per il periodo 2001-2016.

Ci sono stati 174.882 nuovi utilizzatori persistenti di Metformina e sulfoniluree che hanno raggiunto una soglia ridotta di funzionalità renale ( tasso di filtrazione glomerulare stimato inferiore a 60 ml/min/1.73 m2 o creatinina maggiore o uguale a 1.4 mg/dl per le donne o maggiore o uguale a 1.5 mg/dl per gli uomini ).

I pazienti sono stati seguiti da una ridotta soglia di funzionalità renale fino a eventi MACE, modifica del trattamento, perdita al follow-up, morte o termine dello studio nel 2016 ).
I pazienti erano nuovi utilizzatori di Metformina o sulfoniluree in monoterapia che hanno continuato il trattamento con farmaci ipoglicemizzanti dopo aver raggiunto una ridotta funzionalità renale.

Gli eventi MACE includevano il ricovero in ospedale per infarto miocardico acuto, ictus, attacco ischemico transitorio ( TIA ) o morte cardiovascolare.
Le analisi hanno utilizzato la ponderazione del punteggio di propensione per confrontare il rischio specifico di MACE tra le terapie e stimare il rischio cumulativo tenendo conto del rischio competente del cambiamento della terapia o della morte non-cardiovascolare.

Ci sono stati 67.749 utilizzatori persistenti di monoterapia con Metformina e 28.976 con sulfonilurea; la coorte ponderata includeva 24.679 utilizzatori di Metformina e 24.799 di sulfonilurea ( età mediana, 70 anni; 48.497 uomini, 98%; 40.476 bianchi, 82%, con velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] mediana di 55.8 ml/min/1.73 m2 e livello di emoglobina A1c del 6.6% all'ingresso nella coorte ).

Durante il follow-up ( mediana, 1.0 anni per Metformina vs 1.2 anni per sulfonilurea ), ci sono stati 1.048 esiti MACE ( 23.0 per 1.000 anni-persona ) tra gli utilizzatori di Metformina e 1.394 eventi ( 29.2 per 1.000 anni-persona ) tra gli utilizzatori di sulfonilurea.

L’hazard ratio aggiustato specifico per causa di MACE per Metformina è stato pari a 0.80 rispetto alle sulfoniluree, con una differenza di tasso aggiustata di 5.8 eventi in meno per 1.000 anni-persona di uso di Metformina rispetto all'uso di sulfonilurea.

Tra i pazienti con diabete mellito e ridotta funzionalità renale che persistono con la monoterapia, il trattamento con Metformina, rispetto a una sulfonilurea, è stato associato a un minore rischio di MACE. ( Xagena2019 )

Roumie CL et al, JAMA 2019; 322: 1167-1177

Endo2019 Cardio2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro