A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazione dell'inizio della terapia con statine con la progressione del diabete


La terapia con statine è stata associata a un aumento della resistenza all'insulina; tuttavia, le sue implicazioni cliniche per il controllo del diabete tra i pazienti con diabete sono sconosciute.

È stata valutata la progressione del diabete dopo l'inizio dell'uso di statine nei pazienti con diabete.
È stato condotto uno studio retrospettivo di coorte abbinato che ha utilizzato disegni con nuovi utilizzatori e confronto attivo per valutare le associazioni tra l'inizio delle statine e la progressione del diabete in una coorte nazionale di pazienti afferenti allo US Department of Veterans Affairs tra il 2003 e il 2015.

I pazienti inclusi avevano 30 anni o più; gli era stato diagnosticato il diabete durante il periodo di studio; ed erano utilizzatori regolari del sistema sanitario Veterans Affairs.

I pazienti sono stati sottoposti inizialmente a trattamento con statine ( utilizzatori di statine ) o con H2-bloccanti o inibitori della pompa protonica ( comparatori attivi ).

L'esito composito della progressione del diabete comprendeva quanto segue: nuova somministrazione di Insulina, aumento del numero di classi di farmaci ipoglicemizzanti, incidenza di 5 o più misurazioni della glicemia pari o superiore a 200 mg/dl o una nuova diagnosi di chetoacidosi o diabete non-controllato.

Dei 705.774 pazienti eleggibili, sono state confrontate 83.022 coppie di utilizzatori di statine e comparatori attivi; la coorte abbinata aveva un'età media di 60.1 anni; 78.712 ( 94.9% ) erano uomini; 1.715 ( 2.1% ) erano nativi americani / isolani del Pacifico / nativi dell'Alaska, 570 ( 0.8% ) erano asiatici, 17.890 ( 21.5% ) erano neri e 56.633 ( 68.2% ) erano individui bianchi.

L'esito di progressione del diabete si è verificato nel 55.9% degli utilizzatori di statine rispetto al 48.0% dei comparatori attivi ( odds ratio, OR=1.37; P minore di 0.001 ).

Ogni singola componente dell’esito composito è risultata significativamente più alta tra gli utilizzatori di statine.
L'analisi secondaria ha dimostrato una relazione dose-risposta con una maggiore intensità di riduzione del colesterolo LDL associata a una maggiore progressione del diabete.

Questo studio retrospettivo di coorte ha rilevato che l'uso di statine è risultato associato a progressione del diabete, inclusa una maggiore probabilità di iniziare il trattamento con Insulina, iperglicemia significativa, complicanze glicemiche acute e un numero maggiore di prescrizioni per classi di farmaci ipoglicemizzanti.
Il rapporto rischio-beneficio dell'uso di statine nei pazienti con diabete mellito deve tener conto dei suoi effetti metabolici. ( Xagena2021 )

Mansi IA et al, JAMA Intern Med 2021; 181: 1562-1574

Endo2021 Cardio2021 Farma2021


Indietro