A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Associazione di grave retinopatia diabetica con esiti cardiovascolari nel diabete mellito di tipo 1 da lunga durata


È risaputo che la nefropatia diabetica aumenta il rischio di malattia cardiovascolare, ma la gravità della retinopatia diabetica ( SDR ) non è ancora stata determinata.

L'incidenza cumulativa di vari eventi cardiovascolari, tra cui malattia coronarica, malattia delle arterie periferiche e ictus, recuperata dai registri, è stata valutata in 1.683 individui con diabete mellito di tipo 1 da almeno 30 anni dal Finnish Diabetic Nephropathy Study ( FinnDiane ).

Gli individui sono stati divisi in quattro gruppi in base alla presenza di malattia renale diabetica ( DKD ) e/o SDR ( +DKD +SDR, +DKD/-SDR, -DKD/+SDR e -DKD/-SDR ) alla visita basale.

Inoltre, l'incidenza specifica per età è stata confrontata con 4.016 soggetti di controllo senza diabete.

La retinopatia diabetica è stata definita come fotocoagulazione laser, e la nefropatia diabetica come velocità di filtrazione glomerulare stimata inferiore a 60 ml/min/1.73 m2.

Durante 12.872 anni-persona di follow-up, si sono verificati 416 eventi cardiovascolari incidenti.

Anche in assenza di nefropatia diabetica, la retinopatia diabetica ha aumentato il rischio di malattia cardiovascolare ( hazard ratio, HR=1.46, P minore di 0.01 ), dopo aggiustamento per durata del diabete, età all'esordio del diabete, sesso, fumo, pressione sanguigna, rapporto vita-fianchi, storia di ipoglicemia e lipidi sierici.

In particolare, la retinopatia diabetica da sola era associata al rischio di arteriopatia periferica ( 1.90, P minore di 0.05 ) e coronaropatia ( 1.50, P minore di 0.05 ) ma non di ictus.

Inoltre, la nefropatia diabetica ha aumentato ulteriormente il rischio cardiovascolare ( 2.85; P minore di 0.001 ).
Tuttavia, il rischio era superiore a quello dei soggetti di controllo senza diabete anche in pazienti senza complicanze microvascolari, fino a quando i pazienti non raggiungevano i 70 anni.

In conclusione, la retinopatia diabetica da sola, anche senza nefropatia diabetica, aumenta il rischio cardiovascolare, in particolare per arteriopatia periferica, indipendentemente dai comuni fattori di rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 1 da lungo tempo.
Resta ancora molto da fare per comprendere appieno il collegamento tra retinopatia diabetica e malattia cardiovascolare. Questa conoscenza potrebbe aiutare a combattere il rischio cardiovascolare aumentato oltre i regimi attualmente disponibili. ( Xagena2018 )

Pongrac Barlovic D et al, Diabetes Care 2018; 41: 2487-2494

Endo2018 Cardio2018 Oftalm2018 Nefro2018



Indietro