Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazione tra uso di inibitori SGLT-2, agonisti GLP-1 e inibitori DPP-4, e la mortalità per tutte le cause nei pazienti con diabete di tipo 2


L'efficacia clinica comparativa degli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT-2 ), degli agonisti del peptide glucagone-like 1 ( GLP-1 ) e degli inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 ( DPP-4 ) per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 è sconosciuta.

È stata confrontata l'efficacia degli inibitori SGLT-2, degli agonisti GLP-1 e degli inibitori DPP-4 sulla mortalità e sugli endpoint cardiovascolari utilizzando una meta-analisi.
Sono stati inclusi studi clinici randomizzati che avevano arruolato partecipanti con diabete di tipo 2 e un follow-up di almeno 12 settimane, nei quali inibitori SGLT-2, agonisti GLP-1 e inibitori DPP-4 sono stati confrontati l'uno con l'altro o con placebo o nessun trattamento.

L’esito primario era la mortalità per tutte le cause; gli esiti secondari erano mortalità cardiovascolare, eventi di insufficienza cardiaca infarto miocardico, angina instabile e ictus; gli endpoint di sicurezza erano gli eventi avversi e l’ipoglicemia.

La meta-analisi di 236 studi randomizzati con 176.310 partecipanti ha scoperto che gli inibitori SGLT-2 ( differenza assoluta di rischio RD, -1.0%; hazard ratio, HR, 0.80 ) e gli agonisti GLP-1 ( RD assoluta, -0.6%; HR, 0.88 ) erano associati a una mortalità per tutte le cause significativamente più bassa rispetto ai gruppi di controllo.

Gli inibitori SGLT-2 ( RD assoluta, -0.9%; HR, 0.78 ) e gli agonisti GLP-1 ( RD assoluta, -0.5%; HR, 0.86 ) erano associati a una mortalità inferiore rispetto agli inibitori DPP-4.
Gli inibitori DPP-4 non erano significativamente associati a una mortalità per tutte le cause inferiore ( RD assoluta, 0.1%; HR, 1.02 ) rispetto ai gruppi di controllo.

Gli inibitori SGLT-2 ( RD assoluta, -0.8%; HR, 0.79 ) e gli agonisti GLP-1 ( RD assoluta, -0.5%; HR, 0.85 ) erano significativamente associati a una mortalità cardiovascolare più bassa rispetto ai gruppi di controllo.

Gli inibitori SGLT-2 erano significativamente associati a tassi più bassi di eventi di scompenso cardiaco ( RD assoluta, -1.1%; HR, 0.62 ) e infarto miocardico ( RD assoluta, -0.6%; HR, 0.86 ) rispetto ai gruppi di controllo.

Gli agonisti GLP-1 erano associati a un più alto rischio di eventi avversi con ritiro dallo studio rispetto agli inibitori SGLT-2 ( RD assoluta, 5.8%; HR, 1.80 ) e gli inibitori DPP-4 ( RD assoluta, 3.1%; HR, 1.93 ).

In conclusione, in questa meta-analisi, l'uso di inibitori SGLT-2 o agonisti GLP-1 è risultato associato a una mortalità inferiore rispetto agli inibitori DPP-4 o al placebo o a nessun trattamento.
L'uso di inibitori DPP-4 non è stato associato a una mortalità inferiore rispetto al placebo o a nessun trattamento. ( Xagena2018 )

Zheng SL et al, JAMA 2018; 319: 1580-1591

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro