A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

Effetto dell'aggiunta di un agonista del recettore GLP-1 su mortalità, eventi cardiovascolari ed esiti metabolici tra i pazienti trattati con Insulina con diabete mellito di tipo 2


La combinazione di un agonista del recettore GLP-1 ( GLP-1RA ) con Insulina è spesso una strategia di trattamento efficace per i pazienti sovrappeso con diabete mellito di tipo 2, ma poco si sa sugli effetti a lungo termine sugli esiti cardiovascolari e di mortalità nella pratica clinica di routine nel Regno Unito.

Sono stati confrontati i tempi a un evento cardiovascolare maggiore non-fatale e la mortalità per tutte le cause tra i pazienti in sovrappeso con diabete di tipo 2, trattati con la sola Insulina, rispetto a Insulina più agonista del recettore GLP-1 in un ampio database inglese.

È stato condotto uno studio retrospettivo di coorte su 18.227 pazienti con diabete di tipo 2, trattati con Insulina da Centri del Regno Unito, utilizzando il database Health Improvement Network.

Il rischio a 5 anni di mortalità e un composito in 3 punti di mortalità per tutte le cause ed esiti cardiovascolari non-fatali ( infarto miocardico o ictus ) sono stati confrontati in una coorte abbinata per punteggio di propensione di pazienti trattati con la sola Insulina ( n=1.793 ) e Insulina più agonista del recettore GLP-1 ( n=1.793 ), indipendentemente dalle altre terapie per il diabete, fornendo un totale di 12.682 anni-persona di follow-up.

La riduzione dell'emoglobina A1c [ HbA1c ] è stata simile tra i due gruppi ( -0.42 vs -0.33%; P=0.089 a 12 mesi ).

Complessivamente, gli eventi compositi in 3 punti di mortalità per qualsiasi causa ed eventi cardiovascolari, anche eventi cardiovascolari avversi maggiori, sono stati 98 versus 55 per il gruppo di sola Insulina rispetto al gruppo Insulina più agonista del recettore GLP-1, rispettivamente ( 14.7 vs 9.2 per 1.000 anni-persona; hazard ratio aggiustato, aHR=0.64; P=0.038 ).

Gli eventi cardiovascolari non-fatali, compositi, corrispondenti sono stati 33 vs 28 ( 6.0 vs 5.6 per 1.000 anni-persona; aHR: 0.76; P=0.353 ), mentre gli eventi di mortalità per qualsiasi causa sono stati 49 vs 13 ( 6.9 vs 2.0 per 1.000 anni-persona; aHR: 0.35; P=0.005 ).

In conclusione, basandosi su un'ampia coorte nel Regno Unito nella pratica clinica di routine, l'aggiunta di un agonista del recettore GLP-1 alla terapia insulinica è risultata associata a una riduzione del rischio di eventi cardiovascolari compositi e di mortalità per tutte le cause, ma a un rischio più elevato, seppur non-significativo, di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca in pazienti sovrappeso con diabete mellito di tipo 2. ( Xagena2018 )

Anyanwagu U et al, Am Heart J 2018; 196: 18-27

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro