Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esiti cardiovascolari, renali e di mortalità con agonisti del recettore GLP-1 in pazienti con diabete di tipo 2


Gli agonisti del recettore GLP-1 riducono gli eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) nei pazienti con diabete di tipo 2.
Tuttavia, permane l'incertezza riguardo agli esiti renali e rimane incerto se i benefici si estendano al recettore GLP-1 basato su exendina-4.

Sono state meta-analizzate le prove più aggiornate sui benefici e sui rischi cardiovascolari degli agonisti del recettore GLP-1 dagli studi di esito nei pazienti con diabete di tipo 2.

È stata fatta una meta-analisi che ha incluso nuovi dati da AMPLITUDE-O, utilizzando un modello a effetti casuali per stimare l’hazard ratio ( HR ) complessivo per gli eventi MACE; i suoi componenti; la mortalità per tutte le cause; il ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca; un esito renale composito consistente nello sviluppo di macroalbuminuria, raddoppio della creatinina sierica o almeno il 40% di diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ), terapia sostitutiva renale o morte per malattia renale; peggioramento della funzione renale, basato sul cambiamento di eGFR; e odds ratio ( OR ) per i principali esiti di sicurezza ( ipoglicemia grave, retinopatia, pancreatite e tumore del pancreas ).

È stato anche esaminato l'esito MACE nei sottogruppi di pazienti sulla base dei tassi di incidenza MACE nel gruppo placebo, presenza o assenza di malattie cardiovascolari, livello di emoglobina glicata ( HbA1c ), durata dello studio, intervallo di dosaggio del trattamento, omologia strutturale con GLP-1 umano o exendina-4, indice di massa corporea ( BMI ), età e velocità di filtrazione glomerulare stimata.

Sono stati cercati studi idonei che riportassero MACE ( cioè morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus ) fino a giugno 2021.
Sono stati meta-analizzati i dati di studi randomizzati controllati con placebo pubblicati che avevano testato agonisti del recettore GLP-1 iniettabili o orali nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

È stata limitata la ricerca a studi su più di 500 pazienti con un esito primario che includeva morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale.

Su 98 articoli selezionati, 8 studi comprendenti 60.080 pazienti hanno soddisfatto i criteri prestabiliti e sono stati inclusi.

Complessivamente, gli agonisti del recettore GLP-1 hanno ridotto il MACE del 14% ( HR 0.86; P minore di 0.0001 ), senza alcuna eterogeneità significativa tra l'omologia strutturale dell'agonista del recettore GLP-1 o altri 8 sottogruppi esaminati ( tutti P interazione maggiore o uguale a 0.14 ).

Gli agonisti del recettore GLP-1 hanno ridotto la mortalità per qualsiasi causa del 12% ( HR=0.88; P=0.0001 ), il ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca dell'11% ( HR=0.89; P=0.013 ) e l'esito renale composito del 21% ( HR=0.79; P minore di 0.0001 ), senza aumento del rischio di ipoglicemia grave, retinopatia o effetti avversi pancreatici.

Nelle analisi di sensibilità che hanno rimosso l'unico studio ristretto ai pazienti con una sindrome coronarica acuta ( ELIXA ), tutti i benefici sono aumentati marginalmente, incluso l'esito del peggioramento della funzione renale, in base al cambiamento della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( HR=0.82; P=0.030 ).

Gli agonisti del recettore GLP-1, indipendentemente dall'omologia strutturale, hanno ridotto il rischio di singoli componenti MACE, mortalità per qualsiasi causa, ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca e peggioramento della funzione renale nei pazienti con diabete di tipo 2. ( Xagena2021 )

Sattar N et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2021

Endo2021 Cardio2021 Nefro2021 Farma2021


Indietro