Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esiti renali associati all'uso di inibitori SGLT2 nella pratica clinica del mondo reale: studio CVD-REAL 3


Studi sugli esiti cardiovascolari e renali hanno dimostrato che gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) rallentano progressione della malattia renale cronica nei pazienti con diabete di tipo 2 con o senza malattia renale cronica.

Uno studio ha valutato se questi benefici potessero estendersi ai pazienti con diabete di tipo 2 trattati nella pratica clinica di routine.

CVD-REAL 3 era uno studio di coorte osservazionale multinazionale in cui sono stati identificati nuovi utilizzatori di inibitori SGLT2 e altri farmaci ipolipemizzanti con misurazioni della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) prima e dopo ( entro 180 giorni ) mediante cartelle cliniche e registri nazionali in Israele, Italia, Giappone, Taiwan e Regno Unito.

I punteggi di propensione prima del trattamento con inibitore SGLT2 sono stati calcolati in ciascun Paese, con abbinamento in un rapporto 1:1 con coloro che iniziavano l'assunzione di altri farmaci ipoglicemizzanti.
Il punteggio di propensione includeva, oltre ad altre variabili cliniche e demografiche, l' eGFR basale e la pendenza di eGFR prima di iniziare il trattamento con un inibitore SGLT2 o un altro farmaco ipoglicemizzante.

La principale misura di esito era il tasso di declino di eGFR ( pendenza ). Le differenze nella pendenza di eGFR tra gli inibitori di SGLT2 e altri farmaci ipoglicemizzanti sono state calcolate e raggruppate.
È stato anche valutato un esito composito di declino di eGFR del 50% o malattia renale allo stadio terminale.

Dopo abbinamento per propensione, ci sono stati 35.561 episodi di inizio del trattamento in ciascun gruppo, da 65.231 singoli pazienti.
Dapagliflozin, Empagliflozin, Canagliflozin, Ipragliflozin, Tofogliflozin e Luseogliflozin hanno rappresentato, rispettivamente, il 57.9%, 34.1%, 5.7%, 1.4%, 0.5% e 0.4% degli episodi di inizio dell'inibitore SGLT2.

Al basale, 29.363 su 71.122 inizi ( 41.3% ) erano nelle donne, l'età media era di 61.3 anni, l'emoglobina glicata ( HbA 1c ) era di 72 mmol/mol ( 8.71% ) e l'eGFR medio era 90.7 ml/min per 1.73 m2.

Durante il follow-up, l'inizio dell'inibitore SGLT2 è stato associato a una riduzione del declino di eGFR ( differenza di pendenza per inibitori SGLT2 rispetto ad altri farmaci ipoglicemizzanti 1.53 ml/min per 1.73 m2 all'anno, P minore di 0.0001 ).

Durante un follow-up medio di 14.9 mesi, si sono verificati 351 esiti renali compositi: 114 ( 3.0 eventi per 10.000 anni-paziente ) tra gli iniziatori degli inibitori SGLT2 e 237 ( 6.3 eventi per 10.000 anni-paziente ) tra gli iniziatori di altri farmaci ipoglicemizzanti ( hazard ratio, HR=0.49, p minore di 0.0001 ).
Questi risultati sono stati coerenti tra i vari Paesi ( P eterogeneità 0.10 ) e sottogruppi prespecificati.

In questo ampio studio internazionale nel mondo reale di pazienti con diabete mellito di tipo 2, l'inizio della terapia con inibitori SGLT2 è stato associato a un tasso più lento di declino della funzione renale e a un minor rischio di eventi renali maggiori rispetto all'avvio di altri farmaci che riducono la glicemia.
Questi dati hanno indicato che i benefici degli inibitori di SGLT2 sulla funzionalità renale identificati negli studi clinici sembrano essere ampiamente generalizzabili alla pratica clinica. ( Xagena2020 )

Heerspink HJL et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2020; 8: 27-35

Nefro2020 Endo2020 Farma2020


Indietro