Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 e rischio di iperkaliemia nelle persone con diabete di tipo 2


L'iperkaliemia aumenta il rischio di aritmie cardiache e morte e limita l'uso di inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone e antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi, che migliorano gli esiti clinici nelle persone con malattia renale cronica o insufficienza cardiaca sistolica.

Gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) riducono il rischio di eventi cardiorenali nelle persone con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare o con malattia renale cronica.
Tuttavia, il loro effetto sull'iperkaliemia non è stato valutato sistematicamente.

È stata condotta una meta-analisi utilizzando i dati dei singoli partecipanti provenienti da studi clinici randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo sugli esiti clinici con inibitori SGLT2 in persone con diabete di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare o con malattia renale cronica in cui i livelli sierici di potassio venivano misurati di routine.

L'esito primario era il tempo all'iperkaliemia grave, definita come potassio sierico maggiore o uguale a 6.0 mmol/l, determinato dal laboratorio centrale, con altri esiti che includevano eventi di iperkaliemia segnalati dallo sperimentatore e ipokaliemia ( potassio sierico inferiore o uguale a 3.5 mmol/l ).

Sono state eseguite analisi di regressione di Cox per stimare gli effetti del trattamento di ogni studio con hazard ratio ( HR ) per ottenere effetti riepilogativi del trattamento, complessivi e tra i sottogruppi chiave.

Sono stati inclusi i risultati di 6 studi comprendenti 49.875 partecipanti che hanno valutato 4 inibitori SGLT2. Di questi, 1.754 partecipanti hanno sviluppato una grave iperkaliemia e sono stati registrati altri 1.119 eventi di iperkaliemia segnalati dallo sperimentatore.

Gli inibitori SGLT2 hanno ridotto il rischio di iperkaliemia grave ( HR=0.84 ), un effetto coerente tra gli studi ( P eterogeneità=0.71).
Anche l'incidenza dell'iperkaliemia segnalata dallo sperimentatore è stata inferiore con gli inibitori SGLT2 ( HR=0.80; P eterogeneità=0.21 ).

Sono state osservate riduzioni dell'iperkaliemia grave in una serie di sottogruppi, tra cui funzionalità renale al basale, storia di insufficienza cardiaca e uso di inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone, diuretici e antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi.
Gli inibitori SGLT2 non hanno aumentato il rischio di ipokaliemia ( HR=1.04; P eterogeneità=0.42 ).

Gli inibitori SGLT2 riducono il rischio di grave iperkaliemia nelle persone con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare o con malattia renale cronica senza aumentare il rischio di ipokaliemia. ( Xagena2022 )

Neuen BL et al, Circulation 2022; 145: 1460-1470

Dermo2022 Cardio2022 Farma2022


Indietro