A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Inibitori di DPP-4 nella gestione del diabete mellito di tipo 2


Gli inibitori della dipeptidil peptidasi-4 ( DPP-4 ), anche noti come gliptine, offrono nuove opzioni per la gestione del diabete mellito di tipo 2.
Confronti diretti con comparatori ipoglicemizzanti attivi in pazienti mai trattati con questi farmaci hanno dimostrato che gli inibitori DPP-4 esercitano una riduzione della emoglobina glicosilata ( HbA1c ) leggermente meno pronunciata rispetto alla Metformina ( con il vantaggio di una migliore tollerabilità gastrointestinale ) ed effetti ipoglicemizzanti simili a un tiazolidinedione ( glitazone; con il vantaggio di non causare aumento di peso).

Nei pazienti trattati con Metformina, le gliptine sono state associate a riduzioni di emoglobina glicosilata simili a quelle prodotte da una sulfonilurea ( con il vantaggio di non causare aumento di peso, di una ridotta incidenza di episodi ipoglicemici e senza necessità di titolazione ) e da un glitazone ( con il vantaggio di non presentare aumento di peso e di avere un migliore profilo di tollerabilità complessiva).

Gli inibitori di DPP-4 esercitano anche effetti di riduzione del livelli plasmatici di glucosio clinicamente rilevanti rispetto al placebo nei pazienti trattati con una sulfonilurea o un tiazolidinedione ( di potenziale interesse quando la Metformina non viene tollerata o è controindicata ) e come tripla terapia orale con un buon profilo di tollerabilità quando sono aggiunti a una combinazione Metformina-sulfonilurea o Pioglitazone-sulfonilurea.

Diversi studi clinici hanno anche mostrato una consistente riduzione di HbA1c quando gli inibitori di DPP-4 sono stati aggiunti alla terapia insulinica basale, senza alcun aumento del rischio di ipoglicemia.

A causa della complessa fisiopatologia del diabete mellito di tipo 2 e delle azioni complementari dei farmaci per abbassare i livelli di glicemia, può essere applicata una iniziale combinazione di un inibitore di DPP-4 con Metformina o un glitazone nei pazienti naive al farmaco, con conseguente maggiore efficacia e simile sicurezza rispetto a entrambi i farmaci in monoterapia.

Tuttavia, gli inibitori di DPP-4 sono risultati meno efficaci degli agonisti del recettore GLP-1 nel ridurre l’emoglobina glicosilata e il peso corporeo, ma offrono il vantaggio di essere facili da usare ( somministrazione orale anziché per via iniettiva ) e meno costosi.
Solo uno studio testa a testa ha dimostrato la non-inferiorità di Sitagliptin ( Januvia ) versus Saxagliptin ( Onglyza ).

Chiaramente, sono necessari più studi di confronto diretto tra le diverse terapie a base di incretine.

A causa delle caratteristiche farmacocinetiche, delle proprietà farmacodinamiche ( effetto ipoglicemizzante glucosio-dipendente ) e di un buon profilo di tollerabilità generale, gli inibitori DPP-4 possono svolgere un ruolo fondamentale nei pazienti con insufficienza renale e negli anziani. ( Xagena2012 )

Scheen AJ, Diabetes Metab 2012; 38: 89-101


Endo2012 Farma2012


Indietro