A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it

Terapia di combinazione con Sitagliptin e Lansoprazolo nel diabete di tipo 1 di recente insorgenza


Il diabete mellito di tipo 1 risulta dalla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche.
I risultati di studi preclinici suggeriscono che gli inibitori della dipeptil-peptidasi 4 ( DPP-4 ) e gli inibitori della pompa protonica possano migliorare la sopravvivenza delle cellule beta e la rigenerazione.
Si è ipotizzato che Sitagliptin ( Zocor ) e Lansoprazolo ( Lansox ) possano preservare la funzione delle cellule beta in pazienti con recente insorgenza di diabete di tipo 1.

Uno studio in doppio cieco, di fase 2, controllato con placebo, REPAIR-T1D, ha coinvolto partecipanti di età compresa tra 11 e 36 anni, con diagnosi di diabete mellito di tipo 1 negli ultimi 6 mesi, reclutati da Sanford Health Systems ( Sioux Falls, SD, USA;, Fargo, ND, USA ), Children's Hospitals and Clinics of Minnesota ( St Paul, MN, USA ) e Rady Children's Hospital ( San Diego, CA, USA ).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sitagliptin orale ( 100 mg per i partecipanti a partire da 18 anni, 50 mg per quelli sotto i 18 anni ) e Lansoprazolo ( 60 mg per i partecipanti a partire da 18 anni, 30 mg per quegli sotto i 18 anni ) oppure placebo abbinato per 12 mesi.

L'endpoint primario era la risposta del C-peptide a un test di assunzione di pasto misto a 12 mesi misurato come area di 2 ore sotto la curva.

Tra il 2010 e il 2012, 46 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di trattamento e 22 al gruppo placebo; 40 partecipanti nel gruppo di trattamento e 18 nel gruppo placebo hanno completato il trattamento di 12 mesi.

A 12 mesi, la variazione media nell’area sotto la curva del peptide C era -229 pmol/l per il gruppo di trattamento e -253 pmol/l per il gruppo placebo; questa differenza non è stata significativa ( P=0.77 ).

Non ci sono stati eventi avversi gravi probabilmente o sicuramente correlati al trattamento in studio.

Anche se la variazione attesa nell'endpoint primario non è stata raggiunta, non tutti i partecipanti hanno avuto gli aumenti delle concentrazioni di GLP-1 ( peptide-1 glucagone-simile ) e gastrina che ci si aspettava con il trattamento.

Sebbene i partecipanti non abbiano manifestato eventi avversi farmaco-correlati, lo studio non è stato abbastanza potente da affrontare la questione della sicurezza in modo definitivo.
Ulteriori studi con questi farmaci potrebbero essere necessari, ma dovrebbero essere progettati per garantire una adeguata selezione dei partecipanti e aumenti di questi ormoni intermediari. ( Xagena2014 )

Griffin KJ et al, Lancet 2014;2:710-718

Endo2014 Farma2014


Indietro