XagenaNewsletter
A Focus on CV
Medical Meeting
Xagena Mappa

Valutazione comparativa del rischio di eventi cardiovascolari associati a Dapagliflozin versus Empagliflozin nei pazienti con diabete di tipo 2 nel mondo reale


Uno studio ha confrontato il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 2 che hanno appena ricevuto Dapagliflozin ( Forxiga ) versus Empagliflozin ( Jardiance ).

E' stato condotto uno studio di coorte retrospettivo analizzando un database multi-istituzionale di cartelle cliniche elettroniche ( Chang Gung Research Database ) a Taiwan.
L'analisi ha riguardato pazienti adulti con diabete mellito di tipo 2 che avevano recentemente ricevuto inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) dal 2016 al 2017.

L'outcome primario era un composito di morte cardiovascolare, infarto del miocardio, ictus ischemico e insufficienza cardiaca.

I ricercatori hanno seguito i pazienti dall'inizio del trattamento con inibitori di SGLT2 fino al verificarsi di eventi cardiovascolari prima del 31 dicembre 2018.

Sono stati identificati 12.681 nuovi utilizzatori di inibitori SGLT2 con un'età media di 58.9 anni ( deviazione standard, SD 11.8 ), di cui il 43.9% erano donne e il 45.8% erano nuovi utilizzatori di Dapagliflozin.
L'analisi ha riguardato un totale di 10.442 anni-persona di utilizzo di Dapagliflozin e 12.096 anni-persona di utilizzo di Empagliflozin.

Rispetto agli utilizzatori di Empagliflozin, i nuovi utilizzatori di Dapagliflozin hanno mostrato rischi simili per l'outcome composito primario ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.91; IC 95% 0.73-1.14 ), morte cardiovascolare ( aHR=0.54; IC 95% 0.14-2.12 ), infarto miocardico ( aHR=0.77, IC 95% 0.49-1.19 ) e ictus ischemico ( aHR=1.15; IC 95% 0.80-1.65 ), ma un rischio inferiore di insufficienza cardiaca ( aHR=0.68; IC 95% 0.49-0.95 ).

In conclusione, il rischio di eventi cardiovascolari è risultato simile tra i nuovi utilizzatori di Dapagliflozin e di Empagliflozin, ma Dapagliflozin potrebbe avere un esito migliore nella riduzione dell'insufficienza cardiaca nei pazienti diabetici.
Sono necessari futuri studi prospettici per confermare i risultati. ( Xagena2019 )

Shao SC et al, Cardiovasc Diabetol. 24 set 2019; 18 (1): 120. doi: 10.1186 / s12933-019-0919-9

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro